Newer posts are loading.
You are at the newest post.
Click here to check if anything new just came in.
10:23

Facebook e quell’esagerato miliardo di dollari spesi per acquisire Instagram

Quando esattamente un anno fa Facebook acquisì Instagram si parlò dell’ennesima operazione speculativa che drogava il mercato delle startup tecnologiche. Mark Zuckerberg aveva messo sul piatto di Kevin Systrom, fondatore della popolare app di fotografia, la bellezza di 1 miliardo di dollari. Dick Costolo, CEO di Twitter con cui Systrom era in trattativa, gliene aveva offerti appena 525 milioni. All’epoca secondo gli analisti Instagram non ne valeva più di 500. Trovare qualcuno disposto a sborsare più del doppio del valore reale era una specie di improbabile miracolo.

Dick Costolo, CEO di Twitter. Aveva offerto 25 milioni di dollari in più rispetto al valore dei 500 milioni stimati dagli analisti per acquisire Instagram.

Dick Costolo, CEO di Twitter. Aveva offerto 25 milioni di dollari in più rispetto al valore dei 500 milioni stimati dagli analisti per acquisire Instagram.

A distanza di un anno l’accordo però non ha prodotto risultati tangibili, almeno per Facebook. Per instagram le cose sono andate diversamente. Prima dell’acquisizione aveva 30 milioni di utenti. Oggi ne ha più di 100 milioni attivi al mese che pubblicano in tutto 40 milioni di foto al giorno. L’accesso alle risorse finanziarie di Facebook è stato provvidenziale. Ha solo un grosso problema. Non ha ricavi e nessuna strategia di monetizzazione nel breve periodo.

Zuckerberg sborsando quella cifra si è giusto assicurato le competenze tecniche e, marginalmente, la base di utenti di Instagram. “Marginalmente”, perché di quei 100 milioni di utenti attivi su Instagram, una buona fetta sono anche attivi su Facebook. E confrontati al miliardo di utenti di quest’ultimo non hanno un gran significato.

Secondo Brian Blau, Research Director in Consumer Technologies di Gartner, per Instagram:

«non c’è alcuna pressione da parte di Facebook verso i ricavi. L’approccio è più “aspettiamo e vediamo che cosa succede”. La strategia oggi è più rivolta a creare un’infrastruttura adeguata e nuove funzionalità future».

Chissà anche quanto gli investitori siano disposti ad aspettare.

(PRO)
No Soup for you

Don't be the product, buy the product!

close
YES, I want to SOUP ●UP for ...